Il Nostro Statuto - Sharks

Vai ai contenuti

Menu principale:

Chi siamo
STATUTO DELL’ASSOCIAZIONE A.S.D. SHARKS

COSTITUZIONE

Art.1- E’ costituita, con sede in CORSICO un’ Associazione sportiva denominata
A.S. SHARKS – IL TOP DELLA PESCA
In fase successiva e precisamente in data 20 Gennaio 2005 si aggiunge la denominazione DILETTANTISTICA pertanto la Società a partire da tale data ha la nuova denominazione : ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA SHARKS - IL TOP DELLA PESCA
In data 16 novembre 2005 in seguito a delibera del consiglio Direttivo ha poi cambiato denominazione diventando: ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA SHARKS –
Art.2 - L’Associazione ha sede in CORSICO in Via ROMA n° 28 Tel 02-4404055
Art.3 - I colori dell’Associazione sono i colori dell’IRIDE
Art.4 - SCOPO SOCIALE
Scopo dell’Associazione è la pratica e la diffusione dello Sport ai fini agonistici e promuovere l’amicizia tra i soci
L’Associazione non persegue fini di lucro.
Art.5 - ANNO SOCIALE E FINANZIARIO
L’Anno sociale e finanziario ha inizio il 1° gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno.
Art.6 - L’Associazione ha durata a tempo indeterminato
Art.7 - SOCI
I Soci si distinguono nelle seguenti categorie:
a) Soci Onorari
b) Soci Fondatori
c) Soci Ordinari
d) _____________________
e) _____________________
SOCI ONORARI : quei cittadini Italiani e/o stranieri che abbiano sensibilmente contribuito allo sviluppo dell’Associazione. Sono esenti dal pagamento delle quote sociali e non hanno diritto al voto nelle assemblee. Vengono nominati dal Consiglio Direttivo.
SOCI FONDATORI : quelli che si sono resi promotori della Costituzione dell’Associazione. Pagano le quote sociali, hanno diritto al voto nelle Assemblee e sono eleggibili a cariche sociali.
SOCI ORDINARI : pagano la tassa di ammissione e le quote sociali. Se di età superiori ai 18 anni hanno diritto al voto nelle Assemblee e sono eleggibili a cariche sociali. Sono ammessi dal Consiglio Direttivo.
Art.8 - Le persone possono far domanda per essere ammesse a far parte dell’Associazione. La domanda di ammissione deve portare la firma di due Soci presentatori. Per i giovani di età inferiore ai 18 anni è richiesta anche la firma di chi esercita la Patria Potestà. Le domande vengono esaminate dal Consiglio Direttivo ed accettate a Sua discrezione ed insindacabile giudizio.
Art.9 - Le quote sociali vengono fissate dall’Assemblea Generale su proposta del Consiglio Direttivo in carica.
Art.10 - Il Socio di qualsiasi categoria che non osserva lo Statuto ed il Regolamento, non si adegua alle disposizioni emanate dal Consiglio Direttivo, o si renda comunque indesiderabile per il comportamento, potrà essere deferito dal Consiglio Direttivo per i provvedimenti del caso.
Art.11 - Ciascun Socio può recedere dall’Associazione o essere radiato secondo le norme del presente Statuto.
La qualifica di Socio si perde:
a) Per dimissioni
b) Per morosità nel pagamento della quota annuale, fermo restando l’addebito del versamento
c) Per radiazione, deliberata dal Consiglio Direttivo.
Art.12 - Tutti i Soci dell’Associazione hanno diritto di :
a) Vestire l’uniforme sociale e fregiarsi dei distintivi sociali
b) Partecipare all’Assemblea Generale dell’Associazione
c) Proporre iniziative di carattere sportivo e sociale
Art.13 - I soci dovranno pagare le quote sociali o qualsiasi altra somma entro il termine stabilito dal Regolamento Interno.
Art.14 - ORGANI SOCIALI : gli Organi Sociali dell’Associazione sono costituiti da:
a) L’Assemblea dei Soci
b) Il Consiglio Direttivo
c) Il Presidente

Art.15 - L’Assemblea sei Soci può essere Ordinaria o Straordinaria.
L’Assemblea Ordinaria è convocata dal Presidente o, in sua assenza o impedimento, dal Vice Presidente entro il mese di Gennaio di ciascun anno.
L’Assemblea Straordinaria deve essere convocata dal Presidente su richiesta del Consiglio Direttivo o dalla metà più uno del totale dei soci aventi diritto al voto. Nella richiesta di convocazione, i richiedenti dovranno esprimere per iscritto i punti che essi intenderanno trattare e/o presentare alla discussione. La convocazione dell’Assemblea, sia Ordinaria che Straordinaria, avverrà secondo le modalità stabilite dal regolamento, almeno quindici giorni prima della data scelta per la riunione.
Art.16 - Sono compiti dell’Assemblea Ordinaria .
1) La discussione e l’approvazione della relazione tecnico/morale/finanziaria presentata dal Consiglio Direttivo.
2) L’approvazione del conto consuntivo e del bilancio preventivo
3) L’elezione dei componenti del Consiglio Direttivo e degli altri eventuali Organi previsti dallo Statuto.
4) Stabilire l’ammontare delle quote Sociali.
Art.17 - L’Assemblea Straordinaria delibera sulle modifiche dello Statuto, sulle questioni di particolare importanza e gravità per la vita ed il funzionamento dell’Associazione, sullo scioglimento dell’Associazione.
Art.18 - Le Assemblee non elettive sono presiedute dal Presidente e in sua assenza o impedimento, dal Vice Presidente Vicario o dal Consigliere avente maggior anzianità come socio: ove due Consiglieri avessero pari anzianità come socio, la Presidenza dell’Assemblea verrà assunta dal più anziano di età fra i due. Il Presidente dell’Assemblea, in caso di votazione e scrutinio segreto, nomina tre soci scelti tra quelli presenti, in funzione di scrutatori. In caso di assenza o di impedimento del Segretario, il Presidente incarica uno dei soci della redazione del verbale.
L’Assemblea Ordinaria è idonea a deliberare quando sia stata regolarmente convocata e, la prima convocazione, siano presenti o rappresentati almeno la metà più uno dei Soci aventi diritto al voto. Trascorso un’ora da quella fissata per la prima convocazione l’Assemblea si intende riunita in seconda convocazione ed idonea a deliberare qualunque sia il numero dei Soci aventi diritto al voto intervenuti o rappresentati.
L’Assemblea Ordinaria delibera con il voto favorevole della maggioranza semplice dei soci aventi diritto al voto presenti o rappresentati.
L’Assemblea Straordinaria, in prima convocazione è valida soltanto se risultano presenti o rappresentati almeno la metà più uno dei Soci aventi diritto al voto. In seconda convocazione, essa può validamente deliberare purché siano rappresentati almeno un terzo del totale dei soci aventi diritto al voto.
L’Assemblea Straordinaria, sia in prima che in seconda convocazione, delibera con il voto favorevole di almeno due terzi del totale dei Soci aventi diritto al voto presenti o rappresentati.
Per le modifiche dello Statuto sono richiesti la maggioranza più uno dei voti aventi diritto al voto dell’Associazione.
Art.19 - Ogni Socio ha diritto ad un voto, purché in regola con il pagamento di ogni somma comunque dovuta all’Associazione.
Ogni Socio avente diritto al voto può farsi rappresentare per delega scritta o verbale da un altro Socio, purchè entrambi in regola con il pagamento di ogni somma dovuta all’Associazione.
Ogni socio votante può ricevere una o più più deleghe
Le elezioni delle cariche sociali devono avvenire con scrutinio scritto o per alzata di mano. Di ogni assemblea viene redatto un verbale a cura del Segretario, viene conservato agli atti dell’Associazione e ogni Socio può prenderne visione (Anche sul Sito ufficiale della Società www.tenchet.it ).
Art.20 - CONSIGLIO DIRETTIVO : Il Consiglio Direttivo ha il compito di realizzare gli scopi sociali, secondo gli indirizzi stabiliti dall’Assemblea.
In particolare, e senza che la seguente elencazione debba intendersi limitativa, ha le seguenti attribuzioni, facoltà e funzioni :
a) Redigere il Regolamento nel rispetto dei principi fondamentali dello Statuto ed emanare qualsiasi normativa ritenuta opportuna per il buon funzionamento dell’Associazione
b) Prendere tutte le delibere occorrenti per l’amministrazione e conduzione dell’Associazione
c) Redigere il conto consuntivo ed il bilancio preventivo dell’Associazione
d) Proporre all’Assemblea l’importo delle quote associative per le diverse categorie di Soci e fissarne le modalità di pagamento
e) Decidere in maniera insindacabile in merito all’accoglimento delle domande di ammissione all’Associazione da parte degli aspiranti Soci.

Art.21 - Il Consiglio Direttivo è eletto dall’Assemblea ed è composto da un minimo di sette membri ad un massimo di undici. Elementi (sempre in numero dispari)
I membri del Consiglio sono rieleggibili.
Nella prima riunione convocata dal Presidente dell’Assemblea il Consiglio Direttivo elegge fra i suoi membri il Presidente, il o i Vice Presidenti, il Segretario e può attribuire ad altri Consiglieri incarichi specifici. Il Consiglio direttivo è convocato dal Presidente mediante avviso da far pervenire a ciascun Consigliere anche in modo informale, con almeno tre giorni di anticipo sulla data della riunione.
Esso deve essere riunito almeno quattro volte l’anno e ogni qualvolta il Presidente lo ritenga opportuno. Il Presidente è tenuto a convocare il consiglio su richiesta scritta della maggioranza dei Consiglieri. La convocazione del Consiglio dovrà contenere l’elencazione delle materie da trattare.
Le riunioni del Consiglio sono valide purché sia presente almeno la maggioranza dei suoi componenti. Le riunioni sono presiedute dal Presidente o, in sua assenza da un Vice Presidente in ordine di anzianità come socio o dal Consigliere con maggiore anzianità di Socio. Le deliberazioni sono prese a maggioranza di voti e, in caso di parità è prevalente il voto del Presidente dell’Associazione.
Art.22 - Le cariche elettive sono onorifiche.
Non possono essere chiamati e ricoprire cariche sociali :
a) Coloro che abbiano riportate condanne passate in giudicato per delitto doloso

Art.23 - IL PRESIDENTE : Il Presidente dell’Associazione rappresenta anche agli effetti di legge l’Associazione stessa, convoca il Consiglio Direttivo, ne presiede le adunanze e ne firma le deliberazioni, firma il preventivo ed il rendiconto annuale da presentare ai Soci, dichiara aperte le Assemblee.
Art.24 - IL VICE PRESIDENTE : Il Vice Presidente Vicario coadiuva il Presidente nell’espletamento delle sue funzioni e lo sostituisce in caso di assenza o impedimento.
Art.25 - IL SEGRETARIO : Il Segretario collabora con il Presidente e cura l’esecuzione delle decisioni del Consiglio Direttivo, redige i verbali delle assemblee.
Art.26 - NORME DISCIPLINARI : è passibile di sanzione disciplinare il Socio che si sia reso responsabile di inosservanza dello Statuto e dei Regolamenti dell’Associazione, di scorrettezze sportive o disciplinari, di comportamento non conforme alla dignità ed ai doveri di Socio.
Le sanzioni sono :
a) Il richiamo scritto
b) La sospensione temporanea sino al massimo di un anno
c) L’esclusione del Socio dalla partecipazione a determinate manifestazioni agonistiche o d’altro genere.
d) La radiazione
Art.27 - CLAUSOLA COMPROMISSORIA : I soci si impegnano, ai sensi e per gli effetti dell’Articolo 43 dello Statuto della FIPSAS a non adire altre autorità che non siano quelle dell’Associazione e della FIPSAS per la tutela dei loro interessi sportivi ed associativi nell’ambito dell’Associazione stessa.
L’inosservanza della presente clausola compromissoria può comportare sanzioni disciplinari sino alla revoca dell’Affiliazione ed alla radiazione.
Art.28 - MODIFICHE ALLO STATUTO : Le modificazioni del presente Statuto dovranno essere assunte dall’Assemblea Straordinaria con il voto favorevole della maggioranza più uno dei voti degli aventi diritto al voto dell’Associazione.

Art.29 - SCIOGLIMENTO : L’Associazione si scioglierà per valida deliberazione dell’Assemblea Straordinaria dei Soci, appositamente convocata, su richiesta di almeno quattro quinti degli aventi diritto al voto sia in prima che in seconda convocazione.
Art.30 - NORME DI RINVIO : per tutto quanto non è contemplato nel presente statuto, valgono le norme di legge.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu